27,99 €
inkl. MwSt.
Versandfertig in 6-10 Tagen
14 °P sammeln
  • Broschiertes Buch

L'obiettivo principale della maggior parte degli studenti di lingue è quello di riuscire a parlare in modo fluente nella lingua di arrivo. Ma, allo stesso tempo, per gli insegnanti è una sfida svilupparla e cercare di rendere la comunicazione in questa lingua target parte delle situazioni e dei contesti quotidiani, a causa del fatto che l'inglese non è la lingua madre. Questa sfida è ancora più grande quando si tratta di classi composte da un gran numero di studenti con circa 40 minuti per finire la lezione. Pertanto, questo articolo si propone di presentare una ricerca sul ruolo del tempo di …mehr

Produktbeschreibung
L'obiettivo principale della maggior parte degli studenti di lingue è quello di riuscire a parlare in modo fluente nella lingua di arrivo. Ma, allo stesso tempo, per gli insegnanti è una sfida svilupparla e cercare di rendere la comunicazione in questa lingua target parte delle situazioni e dei contesti quotidiani, a causa del fatto che l'inglese non è la lingua madre. Questa sfida è ancora più grande quando si tratta di classi composte da un gran numero di studenti con circa 40 minuti per finire la lezione. Pertanto, questo articolo si propone di presentare una ricerca sul ruolo del tempo di parola dell'insegnante (TTT) e del tempo di parola degli studenti (STT) nella promozione di un ambiente comunicativo e collaborativo per studenti non madrelingua in una classe di inglese come lingua straniera (EFL). In questo libro ho fornito le definizioni e le teorie di TTT e STT. Ho mostrato la differenza tra queste due tipologie, favorendo una maggiore quantità di STT rispetto alla TTT e i suoi usi positivi. Inoltre, ho condotto uno studio in una delle scuole superiori di Prishtina su STT e TTT, dove sono stati presentati e analizzati in dettaglio i dati emersi da questa ricerca.
Autorenporträt
Trendeline Haliti Sylaj ha conseguito il Master in Lingua e Letteratura inglese ed è docente presso l'Università per il Commercio e la Tecnologia di Prishtina, in Kosovo. Ha un forte interesse per la ricerca. È autrice di alcuni articoli con particolare attenzione alla pedagogia. Ha solo 24 anni e ha molto da dare nel suo campo di competenza.