40,99 €
inkl. MwSt.
Versandkostenfrei*
Versandfertig in 6-10 Tagen
payback
20 °P sammeln
  • Broschiertes Buch

Nel novembre 2011, la CENI ha organizzato le elezioni presidenziali e legislative nella RDC. Il fallimento di queste elezioni ha portato a una crisi politica, socio-economica, di sicurezza e di genocidio. L'autore del libro, un difensore dei diritti umani di Bandundu, è stato un osservatore nazionale in sinergia con gli osservatori internazionali dell'UE. Il libro, diviso in tre parti, presenta al lettore l'enorme potenziale di Bandundu, l'organizzazione delle elezioni e gli eventi prima, durante e dopo il giorno delle elezioni. L'elezione delle donne congolesi nelle elezioni del 2006 e del…mehr

Produktbeschreibung
Nel novembre 2011, la CENI ha organizzato le elezioni presidenziali e legislative nella RDC. Il fallimento di queste elezioni ha portato a una crisi politica, socio-economica, di sicurezza e di genocidio. L'autore del libro, un difensore dei diritti umani di Bandundu, è stato un osservatore nazionale in sinergia con gli osservatori internazionali dell'UE. Il libro, diviso in tre parti, presenta al lettore l'enorme potenziale di Bandundu, l'organizzazione delle elezioni e gli eventi prima, durante e dopo il giorno delle elezioni. L'elezione delle donne congolesi nelle elezioni del 2006 e del 2011 è problematica. La sua analisi, corredata da dati statistici, è contenuta nel secondo capitolo. Vengono avanzate proposte per la concretizzazione della parità nella RDC. La terza parte del libro tratta della situazione della sicurezza e delle violazioni dei diritti umani commesse a Bandundu. Esistono conflitti latenti che potrebbero un giorno degenerare e che devono trovare una soluzione duratura per la pace: il caso dei Batwa, una minoranza etnica pigmea. Sociologi, storici, antropologi e scienziati politici dovrebbero approfondire la storia della regione.
Autorenporträt
Félicien TAMUZI TALEKWENE, laureato in matematica, segretario esecutivo del PSI/Bandundu (RDC), relatore provinciale della società civile di Bandundu, difensore dei diritti umani, punto focale di HRW, monitora e pubblica le sue ricerche e indagini sulle violazioni dei diritti umani commesse nella sua provincia d'origine.