38,99 €
inkl. MwSt.
Versandfertig in 6-10 Tagen
Entspannt einkaufen: verlängerte Rückgabefrist1) bis zum 20.01.2024
payback
19 °P sammeln
  • Broschiertes Buch

In Togo, il fenomeno dei bambini di strada sta diventando sempre più importante. Secondo gli archivi dell'Institut de Recherche pour le Développement (IRD/ORSTOM), la prima istituzione per la rieducazione dei giovani delinquenti fu creata nel 1949. Prima di questa data, c'era una stazione agricola a Sokodé nel 1928 che accoglieva giovani considerati dalla società come delinquenti. Va notato che il fenomeno sta assumendo di giorno in giorno proporzioni preoccupanti: da qualche decina di giovani all'inizio degli anni '60, ci sono oggi diverse centinaia di bambini di strada in Togo. Ed è senza…mehr

Produktbeschreibung
In Togo, il fenomeno dei bambini di strada sta diventando sempre più importante. Secondo gli archivi dell'Institut de Recherche pour le Développement (IRD/ORSTOM), la prima istituzione per la rieducazione dei giovani delinquenti fu creata nel 1949. Prima di questa data, c'era una stazione agricola a Sokodé nel 1928 che accoglieva giovani considerati dalla società come delinquenti. Va notato che il fenomeno sta assumendo di giorno in giorno proporzioni preoccupanti: da qualche decina di giovani all'inizio degli anni '60, ci sono oggi diverse centinaia di bambini di strada in Togo. Ed è senza dubbio per far fronte a questo fenomeno che sono stati creati il Centro di rieducazione Kamina (diventato poi Foyer Avenir) nel 1960, una brigata per minori nel 1970, e il Centro di osservazione e reinserimento sociale Cacaveli (CORSC) nel 1970. Questa ricerca è un modesto contributo alla riflessione comune sul fenomeno dei bambini di strada in Togo. Tenta di evidenziare i problemi sociali all'origine del fenomeno e le cause del mancato reinserimento dei bambini di strada nella città di Lomé.
Autorenporträt
Djamiou ABOUDOU est né à Lomé au Togo. C'est un esprit polymorphe, à la croisée de la sociologie, du journalisme, de la communication et de l'art plastique. Ce maestro des mots, ce virtuose de l'expression, déploie sa palette de talents telle une fresque chatoyante.