26,99 €
inkl. MwSt.
Versandfertig in 6-10 Tagen
13 °P sammeln
  • Broschiertes Buch

L'infezione da epatite è una delle principali cause di malattia epatica cronica che infetta più di 170 milioni di persone in tutto il mondo, spesso portando a cirrosi, insufficienza epatica e carcinoma epatocellulare. Sistema modello sperimentale indotto dalla D-galattosamina nei ratti riconosciuto per essere molto simile all'epatite virale negli esseri umani sia dal punto di vista morfologico che funzionale. Gli antiossidanti derivati ¿¿dal cibo hanno un forte potenziale per l'uso a lungo termine come agenti chemiopreventivi negli stati patologici che comportano stress ossidativo, come…mehr

Produktbeschreibung
L'infezione da epatite è una delle principali cause di malattia epatica cronica che infetta più di 170 milioni di persone in tutto il mondo, spesso portando a cirrosi, insufficienza epatica e carcinoma epatocellulare. Sistema modello sperimentale indotto dalla D-galattosamina nei ratti riconosciuto per essere molto simile all'epatite virale negli esseri umani sia dal punto di vista morfologico che funzionale. Gli antiossidanti derivati ¿¿dal cibo hanno un forte potenziale per l'uso a lungo termine come agenti chemiopreventivi negli stati patologici che comportano stress ossidativo, come l'epatite e le malattie epatiche alcoliche perché sono sicuri. Il tè e il cacao sono fonti alimentari ricche di composti fenolici e svolgono diverse attività biologiche, come la capacità di eliminare i radicali superossido e idrossile, ridurre i radicali perossilici lipidici e inibire la perossidazione lipidica. Questo studio mirava a indagare l'effetto protettivo di alcuni composti polifenolici, fortemente presenti nel tè verde, nel tè nero e nel cacao, contro i danni al fegato e per conoscere il potente effetto di ciascuno nella protezione del fegato.
Autorenporträt
Jihan Seid Hussein , Professor de Bioquímica Médica, Centro Nacional de Investigação, Giza, Egipto. Membro de várias sociedades científicas internacionais, recebeu um prémio de incentivo científico em Biotecnologia do Centro Nacional de Investigação em 2011. Recebeu um Prémio de Excelência Científica para os anos 2009-2016 ,Mais de 100 trabalhos internacionais.